Come gestire un'emergenza pediatrica

Non è semplice, nemmeno per i genitori con molta esperienza, comprendere quando il malessere di un bambino è una cosa seria tanto da rendere necessario, se non urgente, ricorrere ad una pronta assistenza ospedaliera.

Nella tabella che alleghiamo (che deriva dall’articolo “Observation scales to identify serious illness in febrile children”.) sono riassunte le condizioni che meritano di essere considerate attentamente per valutarne la serietà e per essere eventualmente riferite, per lo più telefonicamente, al pediatra o comunque a chi può portare una pronta assistenza.

La richiesta di un aiuto qualificato deve essere formulata nei termini più corretti e ordinati possibili; a questo fine, di seguito descriviamo le informazioni che devono essere comunicate all’operatore ospedaliero per la valutazione di un eventuale intervento: ■ il nome e il cognome della persona che telefona e il suo rapporto di parentela o altro con il bambino/a per cui si richiede assistenza; ■ l’indirizzo del luogo in cui si trova il bambino; ■ il nome del bambino e la sua età; ■ la ragione della telefonata: manifestazioni di malessere del bambino; se si tratta di manifestazioni anomale del tutto nuove oppure se si tratta di un peggioramento di una malattia già in corso; ■ il giorno e l’ora in cui i disturbi si sono manifestati; ■ se i disturbi sono stati improvvisi, oppure sono comparsi gradualmente; ■ che cosa si è fatto per alleviare i disturbi, e soprattutto se sono stati usati farmaci acquistati senza ricetta o con ricetta redatta precedentemente per altri e magari simili disturbi; ■ se quanto è stato fatto ha prodotto miglioramenti, o se invece si sono verificati peggioramenti.

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square